Come funziona l'udito

L’orecchio, benché piccolo, è un organo altamente complesso.

Fungendo da filtro sonoro, l’orecchio trasforma tutti i suoni udibili in accurate informazioni che il cervello può elaborare.

LE NOSTRE ORECCHIE SONO

AMPLIFICATORI PICCOLI, MA

ALTAMENTE COMPLESSI

Ogni orecchio è composto da meccanismi delicati e altamente complessi. Nell’orecchio “interno” un'infinità di sottili cellule sensoriali e di fibre nervose raccolgono le vibrazioni sonore e le trasformano in impulsi elettrici che il cervello elaborerà. Se nel tempo l’orecchio è esposto a forti vibrazioni, queste cellule e queste fibre possono danneggiarsi e ne consegue una perdita permanente dell’udito.

1/4

Anatomia

L'orecchio esterno

L'orecchio medio

L'orecchio interno

Il cervello

L’orecchio è composto da tre parti

Si è mai chiesto perché l'orecchio ha quella particolare forma?

La forma del suo orecchio assicura che le onde sonore vengano catturate e dirette al suo timpano attraverso il condotto uditivo.

E' formato dal timpano e da tre minuscoli ossicini: il martello, l'incudine e la staffa.

La staffa in effetti è l'osso più piccolo di tutto il corpo.

Questi lavorano insieme per amplificare le onde sonore.

La coclea, a forma di chiocciola, è piena di fluido.

Le onde sonore muovono questo fluido e il movimento viene rilevato dalle cellule sensoriali che trasformano le onde sonore in impulsi elettrici inviandoli al cervello.

Una volta che gli impulsi elettrici arrivano al cervello, quest'ultimo elabora i dati in modo da permetterci di selezionare e seguire quelli rilevanti per la circostanza.

audiovox2 di Carle Roberto & C. s.n.c.

 P.IVA 01516570494 

N. REA   LI - 134584